MALEDETTI FRANCESI

vite da chansonnier e canti ribelli, da Édith Piaf a Serge Gainsbourg

Aneddoti e frammenti di storia d’oltralpe, uno spettacolo che parla di come la canzone poetica francese abbia attraversato il Novecento

Trama

Dopo performance da cabaret, saggi comico-musicali e progetti teatrali, Giangilberto Monti riassume il repertorio francese che ama da sempre. Le sue traduzioni di Vian, Ferré, Gainsbourg e Renaud, sono state pubblicate su album musicali, saggi e libri storici, come il suo Maledetti Francesi (2011, NdA), citata da Gianni Mura su Repubblica come tra i libri da ricordare di quell’anno.

Qui lo chansonnier milanese racconta a braccio gli esordi del cantautorato francese, ricorda aneddoti e frammenti di storia d’oltralpe, parla di come la canzone poetica abbia attraversato il Novecento. E lo fa interpretando le più belle canzoni dei maudits francesi per eccellenza: dalla poliedricità di Boris Vian ai testi disperati e barricaderi di Leo Ferré, dalle provocazioni poetiche di Serge Gainsbourg alle strofe strappacuore di Jacques Brel, fino agli sberleffi di Georges Brassens, uno dei principali ispiratori del cantautorato italiano, e all’ironica durezza di Renaud, ultimo dei classici maudits d’oltralpe.

Le utopie e il ribellismo di sempre si ritrovano nelle parole di questi artisti, tra folk e ballad d’autore, che Monti interpreta accompagnato dai suoi musicisti. Una narrazione musicale da conduttore appassionato e curioso, mostrando al pubblico quella contaminazione tra poesia, musica e comicità che da sempre è patrimonio dei nostri cugini francofoni.

Dalla stampa

“Monti chansonnier, bravo e maledetto, nel nome di Vian” – La Repubblica
“L’esibizione di Monti scorre via con insolita vivacità, tra rumori libertari, celebrazioni della donna, dell’amore, e della trasgressione linguistica e morale” – Il Giornale
“Note maledette in libertà di Giangilberto Monti” – Il Manifesto

 Lo spettacolo ha una durata di settanta minuti senza intervallo

venerdì 03 marzo 2017 | ore 21

sabato 04 marzo 2017 | ore 21

In scena al Piccolo Teatro del Baraccano | via del Baraccano, 2 Bologna

Associazione Culturale Fort Alamo e Teatro Duse

Giangilberto Monti

Biglietteria

Biglietteria telefonica (051 231836)
dal 15 ottobre al 12 novembre 2021 dal lunedì al venerdì dalle ore 11 alle ore 13.


Apertura al pubblico dal lunedì al sabato dalle ore 15 alle ore 19 e da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.