PER UN FUTURO, IMMENSO REPERTORIO

Per un futuro, immenso repertorio è il nuovo spettacolo di Paolo Rossi che unisce stand up a commedia dell’arte. I contenuti variano e sono sempre legati all’attualità: dal modificarsi del virus, alla guerra, alla crisi economica, “Mancano solo gli alieni. Gli zombie – precisa Rossi – abbondano già da un po’ e li incontriamo quotidianamente”. Ci sono racconti sulla nuova censura (political corretta), sulla cancellazione della memoria e della cultura, sulla dittatura del pensiero unico, sul virus dell’informazione. Fenomeni che un cantastorie non può fingere di non vedere.

Agile, dirompente, sfuggente alle definizioni di genere e duttile nell’allestimento scenico, Lo spettacolo ha le caratteristiche di un evento più che di una rappresentazione e si adatta a qualunque luogo voglia ospitare la ‘non replica’, addirittura il teatro propriamente detto. Un teatro d’emergenza? Delirio organizzato? Serata illegale? Teatro di rianimazione? Comunque un teatro di domande.

Al centro della scena c’è l’attore, ci sono i personaggi che evoca o interpreta nelle varie affabulazioni, ma soprattutto c’è la persona. Attore, persona e personaggio, per allontanarsi dalle tradizionali rappresentazioni.

“Ogni sera, in un teatro o in qualsiasi altrove lo possa diventare, il cantastorie si presenta al pubblico insieme ai suoi musicanti con il suo immenso repertorio. Con il coraggio di chi sa improvvisare e reinventare repertorio e racconti della sua stessa vita, domanda all’assemblea davanti a lui riunita:
Quali sono i vostri bisogni, problemi, paure che con una storia o una cantata possiamo alleggerir? Noi siamo genere di conforto, il sano intrattenimento indispensabile come la benzina necessaria per attraversare questi tempi difficili. Bisogno avete di rider, ballare, farvi una bella cantata in compagnia, cercar un nuovo compagno o aggiustare il vecchio. ECCOCI.
E siamo disponibili pure per matrimoni, battesimi, feste di divorzio e funerali allegri.
Avete perso l’ottimismo? Abbiamo due ore circa per ritrovarlo insieme”.

La parte musicale è eseguita rigorosamente dal vivo (e non dal morto) dai Virtuosi del carso (più che musici una pattuglia acrobatica) e si adatta anch’essa al mutamento. E se teatro assemblea deve essere teatro assemblea sia.

PS: Recitando col pubblico, e non al pubblico, ai presenti in sala è consentito intervenire, chiedere, interrompere, soprattutto restare svegli. In questo teatro, la quarta parete non esiste.

mercoledì 05 aprile 2023 | ore 21

AGIDI

Paolo Rossi

di e con Paolo Rossi

musiche dal vivo EMANUELE DELL'AQUILA, ALEX ORCIARI, STEFANO BEMBI

InteroRidottoMini
platea29 euro26,50 euro23,50 euro
prima galleria e palchi25 euro23 euro20,50 euro
prima galleria e palchi con visibilità ridotta21 euro19 euro18 euro
seconda galleria21 euro19 euro18 euro
BIGLIETTERIA

La biglietteria del teatro è aperta dal lunedì al sabato dalle ore 15 alle 19 e da 30 minuti prima degli spettacoli.